Sito CSP innovazione nelle ICT
Navigation Menu

La Comunità Montana è l’ente di secondo livello che rappresenta complessivamente la realtà territoriale della Valsesia, gestisce i servizi associati su delega dei Comuni e persegue una strategia unitaria per lo sviluppo dell’insieme dell’area. La funzione più importante della Comunità Montana Valsesia è quella di programmazione dello sviluppo socio-economico che si realizza attraverso lo strumento del “piano pluriennale di sviluppo socio-economico”.

All’interno di questo quadro l’Ente, per attribuzioni dirette da parte legislativa o per deleghe specifiche da Regione Provincia e soprattutto dai Comuni partecipi, esercita le proprie azioni operative e di servizio al territorio, oltre a sviluppare progetti innovativi finanziati con risorse Comunitarie, Nazionali o Regionali.

Questa realtà è costituita da 28 Comuni per un totale di circa 34mila abitanti, il territorio si estende per 763 Km quadrati, l’altitudine media è di 797 m .s.l.m.; il 60% del territorio è ricoperto da boschi.

More Information»

E’ fra i più importanti enti culturali varallesi. Il nucleo più antico dei suoi fondi librari proviene dal convento di Santa Maria delle Grazie, edificato sul finire del ‘400 per opera dei francescani.

Dopo l’allontanamento definitivo dei frati, in ottemperanza alle disposizioni contenute nella legge del 7 luglio 1866, l’antica biblioteca passò al Comune di Varallo.

Alla fine dell’800 i lasciti del canonico Pietro Camaschella e del sacerdote Natale De Gaudenzi, contribuirono ad aumentare il patrimonio. Nel 1915, con il legato disposto da Marietta Farinone, vedova Centa, fu istituita la Biblioteca Civica, che prese il nome della benefattrice e trovò collocazione nel suo palazzo in via Vietti. Nel 1954 venne trasferita nel palazzo Racchetti.

Negli ultimi anni si è arricchita della biblioteca Durio, che comprende prevalentemente pubblicazioni di interesse valsesiano, della biblioteca Mittino e della biblioteca Cognasso.

Attualmente la biblioteca conserva un patrimonio di circa 60.000 volumi e opuscoli, testate di periodici di cui parecchi antichi, manoscritti, fotografie stampe e disegni.

More Information»

Il Sacro Monte di Varallo è gestito dall’ente regionale denominato Riserva Naturale Speciale del Sacro Monte di Varallo.

La Riserva Naturale Speciale del Sacro Monte di Varallo è stata istituita dalla Regione Piemonte con la legge n. 28 del 30 aprile 1980 per salvaguardare le caratteristiche ambientali e paesaggistiche del Sacro Monte, garantire il ripristino e la conservazione del complesso storico religioso e favorirne la fruizione a fini scientifici, culturali e didattici.

La Riserva è amministrata da un Consiglio di amministrazione formato da nove rappresentanti, cinque designati dal Comune di Varallo (di cui uno di minoranza), tre dalla Regione Piemonte (di cui uno di minoranza) ed uno dalla Provincia di Vercelli. Il Consiglio elegge al suo interno una Giunta Esecutiva ed un Presidente.

La Riserva opera per conservare e mantenere il complesso storico artistico e ambientale del Sacro Monte con appositi finanziamenti e grazie al lavoro del proprio personale dipendente, un direttore storico dell’arte e personale tecnico, amministrativo, addetto alla manutenzione dell’area (vegetazione e infrastrutture) e guardiaparco.

Cura la pulizia, il decoro e la manutenzione del giardino, dei percorsi e delle strutture a servizio della fruizione, nonché la manutenzione e il restauro delle cappelle, la ricerca, gli studi e la valorizzazione del complesso.

More Information»

La Società di Incoraggiamento allo Studio del Disegno e di Conservazione delle Opere d’Arte in Valsesia – Onlus, è un’associazione senza scopo di lucro, eretta in Ente Morale con Regio Decreto 22 aprile 1915, n. 581 ed iscritta nel Registro delle Persone Giuridiche della Regione Piemonte, proprietaria della Pinacoteca e del Museo di Storia Naturale “Pietro Calderini” ospitati nel Palazzo dei Musei di Varallo.

Lo scopo primario dell’associazione è volto alla valorizzazione, alla cura e alla conservazione delle importanti raccolte che la Pinacoteca custodisce, attraverso il riallestimento delle collezioni e grazie al recupero del Palazzo dei Musei a standard di efficienza e sicurezza ottimali. L’obbiettivo che si desidera raggiungere nei prossimi anni è il riallestimento delle sale espositive in modo da completare il percorso museale rendendo fruibili al pubblico le collezioni del Sei e del Settecento, la collezione “Tirozzo” di arte moderna e la collezione “Remogna”, quest’ultima recentemente donata alla nostra Società.

L’ambizioso progetto implica anche la valorizzazione del salone storico della Società di Incoraggiamento, la futura riapertura del Museo di Storia Naturale Pietro Calderini, ospitato al secondo piano del Palazzo e la musealizzazione, al piano terreno, degli spazi e della raccolta di materiali della Scuola Barolo. Il progetto sarà reso possibile solo attraverso il completo risanamento strutturale del Palazzo.

Dal 1995 ad oggi si è completata la ristrutturazione delle coperture del Palazzo dei Musei delle ali sud, est, ovest, il risanamento dell’edificio della Casa Valsesiana, che ospita gli uffici, e del suggestivo spazio della ex Chiesa di San Carlo, dedicata alle esposizioni temporanee. Sono state riallestite, restaurando quasi l’intero corpus delle opere che vi sono conservate, le sale della pittura e scultura del Rinascimento ed il Salone dedicato a Tanzio da Varallo e alla pittura del XVII secolo.

Importanti allestimenti sono stati realizzati grazie ai fondi generosamente stanziati dalla Regione Piemonte, dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Vercelli e dalla Fondazione Banca Popolare di Novara per il Territorio. Grazie ai contributi in conto gestione devoluti all’Associazione dal Comune di Varallo, dalla Comunità Montana Valsesia e, grazie alla collaborazione instaurata con la Riserva Naturale Speciale del Sacro Monte di Varallo e al prezioso contributo dei volontari, la Pinacoteca è aperta al pubblico tutto l’anno.

More Information»

L’Agenzia di Accoglienza e Promozione Turistica Locale “Turismo Valsesia Vercelli” dal 1997 è impegnata con costanza ed entusiasmo nella promozione e nella valorizzazione di un territorio variegato e complesso, come la provincia di Vercelli.
Nata in seguito alla Legge Regionale n. 75 del 1996, è una società consortile a responsabilità limitata; i suoi soci rappresentano le diverse realtà pubbliche e private dell’intera area.

Per contribuire allo sviluppo turistico del territorio, Turismo Valsesia Vercelli si muove su due fronti: da un lato organizza le attività di informazione, di accoglienza e di assistenza turistica e dall’altro promuove le risorse della provincia e rafforza il patrimonio turistico.

L’esauriente collana di depliant, brochure e guide pubblicate da ATL è in prima linea nel fornire informazioni sia al turista che è già sul posto, sia ai potenziali utenti che possono richiedere l’invio postale del materiale informativo. Ma la loro utilità non si ferma qui: le pubblicazioni sono un efficace biglietto da visita che, durante le fiere e le borse del turismo, danno un contributo fondamentale alla promozione delle potenzialità turistiche della nostra zona.

L’impegno di Turismo Valsesia Vercelli ha un legame profondo con il territorio: con la sua professionalità e la sua esperienza contribuisce concretamente all’organizzazione dei più importanti eventi della provincia, dal rinnovarsi delle antiche tradizioni, alle manifestazioni più innovative e originali, sempre con lo scopo di valorizzare i mille volti del territorio.

Il territorio della provincia di Vercelli è molto eterogeneo e predisposto ad accogliere molteplici tipologie di turismo; svariate sono le sue peculiarità e di riflesso tante sono le soluzioni che si possono progettare per soddisfare il turista a seconda di ogni interesse specifico.

E naturalmente con l’ambizione che un numero sempre maggiore di turisti rimanga affascinato dalla Valsesia e dal Vercellese: il miglior riconoscimento per l’impegno di ATL e soprattutto per le bellezze ambientali, artistiche ed enogastronomiche del territorio.

More Information»

Varallo sorge lungo le rive del fiume Sesia ed è diviso in due parti dal torrente Mastallone, suo affluente.

La città unisce attività industriali e turistiche ed è dominata dal Sacro Monte di Varallo, uno dei maggiori luoghi di culto del Piemonte, che attira annualmente migliaia di turisti.

More Information»
Tutti i progetti Tutti i luoghi

Elenco location

  • Comunità Montana Valsesia

    Comunità Montana Valsesia

    ViviValsesia

    Leggi tutto
  • Biblioteca Civica “Farinone Centa”

    Biblioteca Civica “Farinone Centa”

    ViviValsesia

    Leggi tutto
  • Riserva Naturale Speciale del Sacro Monte di Varallo

    Riserva Naturale Speciale del Sacro Monte di Varallo

    ViviValsesia

    Leggi tutto
  • Pinacoteca di Varallo

    Pinacoteca di Varallo

    ViviValsesia

    Leggi tutto
  • ATL Valsesia Vercelli

    ATL Valsesia Vercelli

    ViviValsesia

    Leggi tutto
  • Comune di Varallo

    Comune di Varallo

    ViviValsesia

    Leggi tutto